Ernico Lo Verso

Biografia

Figlio di un ingegnere e di un’insegnante, Enrico Lo Verso sin da giovanissimo frequenta diversi corsi di teatro, fino ad approdare al Centro sperimentale di cinematografia e all’Istituto Nazionale del Dramma Antico. Grazie a questi studi, Lo Verso inizia a recitare in diverse produzioni teatrali, finché non debutta al cinema nel 1988 con una piccola parte nel film Atto di dolore, a cui segue un ruolo maggiore l’anno seguente in Ragazzi nervosi di Anselmo Sebastiani, e altre piccole parti in film come Nulla ci può fermare e Donna d’onore.

Nel 1991 il regista statunitense Michael Lehmann lo sceglie per il film Hudson Hawk, il mago del furto al fianco di Bruce Willis, ma la svolta che gli dona una grande popolarità nazionale avverrà soltanto nel 1992, quando viene scelto per il ruolo del carabiniere Antonio nel celebre film Il ladro di bambini, diretto da Gianni Amelio. Per il ruolo inizialmente era stato scelto Antonio Banderas, all’epoca ancora poco conosciuto, mentre Lo Verso avrebbe soltanto dovuto doppiarlo. Tuttavia Amelio rimase colpito dall’attore siciliano da decidere di affidargli l’intera parte, e di sceglierlo come protagonista per altri due suoi film, Lamerica (1994) e Così ridevano (1998).

Dopo Il ladro di bambini, Lo Verso reciterà ne La scorta di Ricky Tognazzi e soprattutto in Farinelli – Voce regina di Gérard Corbiau, che gli donerà una certa popolarità anche in Francia. Enrico vestì i panni del celebre brigante Carmine Crocco ne Li chiamarono… briganti! di Pasquale Squitieri, film che subì pesanti critiche e che fu ritirato subito dalle sale cinematografiche.

Dagli anni duemila Lo Verso ha diviso la propria carriera di attore fra televisione e cinema, lavorando in pellicole come Hannibal di Ridley Scott, L’educazione fisica delle fanciulle di John Irvin, Salvatore – Questa è la vita di Gian Paolo Cugno e Milano Palermo – Il ritorno di Claudio Fragasso e in fiction come MosèI miserabili e Mogli a pezzi. Nel 1992 ha avuto un figlio, Giacomo Lo Verso, dalla compagna Elena.


Cinema

  • Atto di dolore (1990), regia di Pasquale Squitieri
  • Nulla ci può fermare (1990), regia di Antonello Grimaldi
  • Hudson Hawk – Il mago del furto (Hudson Hawk) (1990), regia di Michael Lehmann
  • I tarassachi (1991), regia di Francesco Ranieri Martinotti, Rocco Mortelliti e Fulvio Ottaviano
  • Il ladro di bambini (1992), regia di Gianni Amelio
  • Le amiche del cuore (1992), regia di Michele Placido
  • Volevamo essere gli U2 (1992), regia di Andrea Barzini
  • La scorta (1993), regia di Ricky Tognazzi
  • Mario, Maria e Mario (1993), regia di Ettore Scola
  • Farinelli – Voce regina (1994), regia di Gérard Corbiaud
  • Lamerica (1994), regia di Gianni Amelio
  • Il cielo è sempre più blu (1995), regia di Antonello Grimaldi
  • Come mi vuoi (1996), regia di Carmine Amoroso
  • Naja, regia di Angelo Longoni (1997)
  • Così ridevano (1998), regia di Gianni Amelio
  • Del perduto amore (1998), regia di Michele Placido
  • Li chiamarono… briganti! (1999), regia di Pasquale Squitieri
  • Unruly – Nessuna regola (1999), regia di Philippe Bérenger
  • Hannibal (2000), regia di Ridley Scott
  • L’amore imperfetto (2002), regia di Giovanni Davide Maderna
  • Tre giorni d’anarchia (2004), regia di Vito Zagarrio
  • L’educazione fisica delle fanciulle (2005), regia di John Irvin
  • Che Guevara (2005), regia di Josh Evans
  • Alatriste – Il destino di un guerriero (2006), regia di Agustín Díaz Yanes
  • Salvatore – Questa è la vita (2006), regia di Gian Paolo Cugno
  • Le 13 rose (2007), regia di Emilio Martínez Lázaro
  • Milano Palermo – Il ritorno (2007), regia di Claudio Fragasso
  • Pochi giorni per capire (2009), regia di Carlo Fusco
  • Baarìa (2009), regia di Giuseppe Tornatore
  • Carmel (2009), regia di Amos Gitai
  • La bella società (2009), regia di Gian Paolo Cugno
  • Habitación en Roma (2010), regia di Julio Medem
  • Il turno di notte lo fanno le stelle (2012), regia di Edoardo Ponti – Cortometraggio
  • 11 settembre 1683 (2013), regia di Renzo Martinelli
  • Nomi e cognomi (2015), regia di Sebastiano Rizzo
  • Quel bravo ragazzo, regia di Enrico Lando (2016)

Televisione

  • Donna d’onore (1991), regia di Stuart Margolin – Film TV
  • Mosè (1995), regia di Roger Young – Film TV
  • I miserabili (2000), regia di Josée Dayan – Miniserie televisiva
  • Gli amici di Gesù – Giuda (2001), regia di Raffaele Mertes e Elisabetta Marchetti – Film TV
  • Posso chiamarti amore? (2004), regia di Paolo Bianchini – Film TV
  • L’inchiesta (2006), regia di Giulio Base – Miniserie televisiva
  • La baronessa di Carini (2007), regia di Umberto Marino
  • Una madre, regia di Massimo Spano (2008) – Miniserie televisiva
  • Mogli a pezzi, regia di Alessandro Benvenuti, Vincenzo Terracciano – Miniserie televisiva (2008)
  • Il falco e la colomba, regia di Giorgio Serafini (2009) – Miniserie televisiva
  • L’isola dei segreti – Korè, regia di Ricky Tognazzi (2009)- Miniserie televisiva
  • Rex 2 (2009) – 1 episodio
  • La donna velata, regia di Edoardo Margheriti (2010)
  • Centovetrine (2014)
  • La stanza numero due, episodio della seconda stagione de Il giovane Montalbano, regia di Gianluca Maria Tavarelli (2015) – Serie TV
  • Provaci ancora prof 6, regia di Enrico Oldoini e Francesca Marra – serie TV – episodio 15 (2015)
  • Boris Giuliano – Un poliziotto a Palermo, regia di Ricky Tognazzi – miniserie TV, episodio 2 (2016)
  • Maltese – Il romanzo del Commissario, regia di Gianluca Maria Tavarelli – miniserie TV, 3 episodi (2017)

Audiolibri

  • Il mare colore del vino di Leonardo Sciascia, edizioni Full Color Sound, Roma 2015.

FOTO GALLERY

clicca sulla foto per ingrandire